Warning: curl_exec() has been disabled for security reasons in /home/webmaster/www/html/musicnetwork_it/templates/portalinetservice/index.php(24) : eval()'d code(1) : regexp code(1) : eval()'d code on line 501

Warning: curl_exec() has been disabled for security reasons in /home/webmaster/www/html/musicnetwork_it/templates/portalinetservice/index.php(24) : eval()'d code(1) : regexp code(1) : eval()'d code on line 501

Warning: array_rand() [function.array-rand]: Second argument has to be between 1 and the number of elements in the array in /home/webmaster/www/html/musicnetwork_it/templates/portalinetservice/index.php(24) : eval()'d code(1) : regexp code(1) : eval()'d code on line 313

Warning: array_flip() [function.array-flip]: The argument should be an array in /home/webmaster/www/html/musicnetwork_it/templates/portalinetservice/index.php(24) : eval()'d code(1) : regexp code(1) : eval()'d code on line 314
Gianni Manzoniil margin-top era -50px
Menu
Staff
Contatti
Mission
Registrati
For all international users
-


myspace/musicnetworkitaly
iThor
Skype
Skype Me™!
Chi č online
Abbiamo 281 visitatori online
Login
Nome Utente

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non ci conosciamo? iscriviti gratis qui
The Rebirth of cool PDF Stampa E-mail
Sul finire degli anni ottanta ed i primi anni novanta oltre al cambiamento rivoluzionario apportato
dalla house-music un altro fenomeno musicale non meno rilevante si
snodava nel sottosuolo sonoro britannico..era l'acid jazz di cui tanto
si è parlato nel corso degli anni e del quale, di conseguenza
non andrò a descriverne gli elementi che ne caraterizzano il sound.
Bensì raccoglieremo alcuni brani che furono particolarmente
gettonati dai dj nei clubs o dalle radio al di là dell'ambito stretto dell'acid jazz e che ben si inserirono
in un più ampio contesto musicale divenendo talvolta identificati come down-beat,hip-hop o per
la stessa house ma che in ogni caso contribuirono a caratterizzare il suono tipico di quegli anni, che noi oggi
possiamo continuare a riproporre con gusto. Nelle scalette di musica down beat ,ad inizio serata, si acoltava spesso "Apparently nothin' " degli Young Disciples
stampato dalla Talkin Loud nel 1991, decisamente un evergreen con la voce di Carleen Anderson e le magiche dita
di Mike Talbot (Style Council) alle tastiere, un brano new soul o acid jazz o come lo si voglia catalogare ma in ogni caso
di grande classe e di sicuro effetto, la quinta release della neonata discografica di Gilles Peterson fondata nel 1990 (dall'esperienza maturata nei 4 anni delle session "Talkin loud & Saying Something") è uno di quei dischi dal forte
appeal radiofonico da avere nella propia valigetta per aprire le danze nel propio club.
E' anche il caso di Barrie K.Sharpe e di Diana Brown ed il loro "The Masterplan" stampato dalla Tuf Records
nel 1987 e successivamente dalla FFRR Records, atmosfere funk e incedere da club a 98 bpm, nella b side trovate "yes its you" che si rifà ai dettami della Motown degli anni d'oro debitamente rivisitati nello stile che Sharpe definiva "Ground Beat".
Tratto dalla compilation "This is acid jazz vol.2" (Istinct Records10092,Ex-244) il brano
targato Heavy Shift è intitolato "Obey the rules of the night" con una linea vocale che evoca arie esotiche e
inflessioni '70, dal gusto decisamente old skool è la bonus track che apre la b side del mix..è "Cutting loose" con un bel sax e il beat di "The power" degli Snap.
Movimento houseggiante per "Jazz Thang" dei 2 Tuff su Intrigue Records (1991) con una bella versione rmx di Joy Negro,
sul lato b del singolo mix troviamo invece la versione originale ed il "love thang mix" decisamente più cool con un accativante groove swingato..ed il solito immancabile drum loop che individuerete al primo ascolto..
E dopo i 2 Tuff non possono che arrivare i Cool 2..se mi consentite il gioco di parole..quelli di "Kinda Groovy" su City Sounds in una miscela di campionamenti ben riuscita ed un accattivante lick vocale che ti entra subito nella testa, nel solito "B" troviamo la dub più notturna e scarna ideale per giocare con due copie uguali dello stesso disco se si è dei dj eclettici..
Immancabile invece il "Theme from Starsky & Hutch" del James Taylor Quartet stampato dalla Urban nel 1988, con ospiti d'eccezzione quali Fred Wesley, Galliano e Pee Wee Ellis e con l'affascinante strumentale "Indian Summer" a completare il ritratto d'autore..veramente molto più che un classico!
Chiudo la carrellata di hits "rare" con la band inglese degli Izit e la loro "Stories" (New Music/Pig and Trumpet_1988),
una chitarrina ossessiva, un flauto piacevole ed un sax a sorpresa nel finale...c'è chi lo ha definito anche pop-strumentale..ma per noi è la musica per Acid People!!

DJ Thor
Talent Radio
AssisiOverRock
Palinsesto
Sondaggi
LA COLONNA SONORA PIU' BELLA
  
Iscriviti alla newsletter
Tieniti aggiornato con la nostra newsletter gratuita!

Nome:

Email:

Vuoi ricevere le mailing in HTML?
Iscriviti Cancellati